Via Calliope (Arco): la sorpresa di un camino in Valle del Sarca

0

Ingaggio della salita6.5
Logicità della linea6.5
Bellezza dell'ambiente7
Qualità della roccia8.5
Eleganza dell'arrampicata8
Vietta carina e varia
7.3

Calliope è una delle vie più semplici della Parete di San Paolo: l’arrampicata è particolarmente varia e divertente, a tratti anche sostenuta: specialmente nel camino del secondo tiro. Le protezioni sono presenti nelle difficoltà, garantendo una salita plaisir con quel pizzico di ingaggio alpinistico, tipico di molte vie di Heinz Grill e compagni in Valle del Sarca.

Prima salita: Heinz Grill, F. Heiss, S. Koenigseder, S. Schieder, 2 – 10 – 2007

PARETE DI SAN PAOLO – VIA CALLIOPE

Arco - Via Calliope

Vista della parete dalla pizzeria Lanterna. L’attacco sotto il camino è indicato con la freccia

INFO TECNICHE
Itinerario
Via Calliope
SettoreParete di san Paolo
Zona MontuosaCima
Tempo
3 h (2,20 h la via)
Sviluppo
160 m
Avvicinamento
5 min
Discesa
35 min (180 D-)
Difficoltà D+VI-ChiodaturaRS2
Soste a spit con anello. Clessidre con cordone e spit nei passi chiave
RocciaCalcareTipologia arrampicata
EsposizioneFrequentazioneAlta
Attrezzatura consigliata
Normale da arrampicata
Friend a misure alterne
10 rinvii
Periodo consigliato
Salita in data
25/03/2017
Cordata REDclimber

INDICAZIONI STRADALI

Raggiungere il paese di Arco, a nord del Lago di Garda. Provenendo dall’autostrada (Rovereto), superato il ponte per entrare in paese, seguire la strada a destra via via più stretta (indicazioni Pizzeria Lanterna) che costeggia le pareti fino a raggiungere il locale, dove si lascia la macchina nel parcheggio (disponibilità per gli arrampicatori con consumazione gradita). Volendo si può proseguire parcheggiando in alcuni spiazzi lungo la strada, soluzione più comoda per il ritorno.

Noi abbiamo parcheggiato qui

AVVICINAMENTO

Dalla Pizzeria Lanterna è già ben visibile il camino del secondo tiro. Si segue la strada asfaltata verso Arco fino alla prima traccia che si inoltra nel bosco. Salire fino a raggiungere un sentiero più ampio che costeggia la base delle pareti; seguirlo verso sinistra fino a raggiungere un avancorpo della parete: abbandonare la traccia principale che scende, e avvicinarsi alla parete per ripido boschetto, fino alla base di un camino con masso incastrato (scritta alla base e simpatica targhetta illustrata!).

RELAZIONE

1° tiro: risalire il breve camino (IV), passare sotto il grande masso incastrato (cordone) e uscire in traverso a sinistra. Facilmente per gradoni erbosi fino alla sosta, posta sotto il secondo grande camino (20 m, IV, 1 spit all’attacco, 1  cordone).

2° tiro: affrontare il bellissimo camino (V+ sostenuto) in spaccata, meglio se faccia a valle. Con un passaggio esposto si esce sulla destra (VI-), dunque si prosegue per placche fessurate e un breve diedrino delicato (V+) fino alla sosta (40 m, V+ p. VI- –  6 spit, 4 cordoni).

3° tiro: traversare a sinistra (fix) fino alla base di un bel diedro, che si sale in dülfer (V, 2 chiodi). Quando diventa strapiombante ci si sposta un poco a destra per poi superare a sinistra lo spigolo (V+ esposto, fix). Uscire sul terrazzo soprastante, dove si sosta su un fix (30 m, V, p. V+ – 4 spit, 3 chiodi).

4° tiro: salire verticalmente per saltini isolati e gradoni erbosi (max IV) fino alla sosta sotto una bella placca (20 m, p. IV – 1 fix, 1 cordone).

5° tiro: attaccare la placca su roccia ruvida e ben presata (V+), dunque doppiare a sinistra uno strapiombino (2 fix vicini VI-). Proseguire sulla meravigliosa placca ricca di tasche (V+), e uscire sul comodo terrazzo con la sosta (30m, V+ p. VI- – 3 spit, 4 cordoni).

6° tiro: dritto verso l’evidente pilastro (IV, clessidra e cordone su pianta); dunque si aggira a sinistra un tratto liscio (fix, IV+), e si prosegue lasciandosi a destra il filo dello spigolo (III/IV). Raggiunto un terrazzo erboso con pianta, si sale per bella placca lavorata aggirando da sinistra uno strapiombino (IV) dunque per saltini piu facili sul filo dello spigolo fino a uscire nel boschetto sommitale. Sosta su pianta e libro di via (45 m, III/IV p. IV+ 2 spit, 2 chiodi, 4 cordoni).

DISCESA

Seguire la traccia a destra, raggiungendo in breve il comodo sentiero che percorre, in leggera discesa, l’ampia cengia fra i due ordini di placche della parete di San Paolo. Ad un bivio con ometti, seguire il sentiero a destra che scende ripido fino ad incrociare la strada asfaltata che, imboccata a destra, riporta al parcheggio (0.30/40 dall’uscita della via).

OSSERVAZIONI

Salita decisamente piacevole, che riunisce vari stili di arrampicata nel suo breve sviluppo. Siamo saliti a fine marzo con temperature godibilissime, solo una cordata davanti. Consigliabile abbinarla a un’altra via alla Parete di San Paolo (ad esempio la via Sabina).

RELAZIONE PDF

 

 

Arco - Via Calliope

2° tiro: attacco del camino

Arco - Via Calliope

Uscita dal quinto tiro

Arco - Via Calliope

Sesto tiro

Arco - Via Calliope

L’eremo di san Paolo

 

Scritto da

Montagnatore

LUCA CASTELLANI Sono nato nel 1989 a Parma, in mezzo alla pianura e da 9 anni ci lavoro come falegname nella ditta di famiglia. Quasi tutto il mio tempo libero lo trascorro in montagna o dovunque trovi un minimo di pendenza. Salgo e scendo con diversi mezzi, qualche volta contemporaneamente: a piedi, con gli sci, le piccozze, la mountain bike… l’attività che prediligo è però l’arrampicata su roccia.  Laureato in Lettere, ho sempre amato scrivere e lo facevo anche prima di cominciare ad arrampicare. Nel 2013 ho creato il blog Montagnatore, dove ho raccolto foto e racconti delle mie escursioni; poi dal 2016 ho iniziato a collaborare con Federico al sito Redclimber scrivendo relazioni e racconti di arrampicate, recensioni di libri di montagna, interviste, approfondimenti su temi di attualità legati alla montagna. Come nel mio lavoro costruisco mobili su misura ogni volta diversi, che poi i clienti riempiranno con i loro vestiti o libri o suppellettili... così su Redclimber intendo creare relazioni precise e accurate, che non siano un prodotto pre-confezionato e sempre uguale, ma uno spunto da cui partire per vivere la propria avventura unica e irripetibile. 

Nessun commento

Salita Consigliata