Sentinella del Gendarme della Nuda – Spigolo Ovest

0
Sentinella del Gendarme

Il Gendarme è un caratteristico torrione roccioso che si staglia dal crinale tra La Nuda e lo Scalocchio in Appennino. La via più facile di salita è la normale per la cresta Est attrezzata con cavetto metallico che aiuta a superare qualche passo di II°.

Riporto la descrizione che Ginetto Montipò e Carlo Possa fanno del Gendame nel 1972 su un articolo del “Cusna”, la rivista del CAI di Reggio Emilia (dicembre 1972 – Anno XXII – N° 4 – Pagina 3).

“Chi cercasse di individuare sulla cartina topografica dell’IGM, il “Gendarme” rimarrebbe certamente deluso. …. Quest’ultima elevazione rocciosa per le sue caratteristiche di enorme monolite, è entrata nell’uso comune degli appassionati della montagna sotto il nome di “Gendarme della Nuda” (m 1880) e l’insenatura che lo divide dallo Scalocchio, difendendone la propria spiccata individualità, è stata chiamata, per maggior chiarezza, “Colle del Gendarme” (m 1830 circa). Il Gendarme è un enorme torrione quadrangolare di macigno, la conformazione del quale è molto simile a quella granitica. Enormi blocchi sovrapposti, lisce placche, si alternano a teorie di diedri e fessure che offrono numerose possibilità di eleganti arrampicate. L’ambiente pur non essendo eccessivamente distante dagli impianti di risalita di Cerreto Lago è isolato e severo, ma l’asprezza delle rocce e dell’erba magra, si attenua con la dolce visione di tutto il Golfo di La Spezia. E poi cosa c’è di meglio di godersi il tramonto sul lago dall’alto delle crode? Insomma è un’ambiente veramente incantevole e solitario che merita di essere frequentato.”

La Sentinella del Gendarme è un bel monolite roccioso alto una cinquantina di metri posto sul versante nord. Lo Spigolo Ovest è una via recentemente riattrezzata (le soste a spit) composta da tre tiri. Quello centrale è il tiro chiave con difficoltà obbligatorie di sesto grado. La roccia è mediocre e purtroppo rovina e condiziona la salita, in particolare nella prima parte del secondo tiro.

Prima salita: ignoti, prima salita certa in più occasioni di L. Ferri, A. Menozzi e J. Rosado

SENTINELLA DEL GENDARME – SPIGOLO OVEST

INFO TECNICHE  
Data Uscita11 agosto 2014CompagniAlberto Piazza
ItinerarioSalita alla Sentinella del Gendarme per lo Spigolo OvestZona MontuosaAppennino Settentrionale
Tempo e distanza5 hDislivello600 m circa (50 m la via)
Località di PartenzaPasso del Gatto (RE)Quota partenza e arrivo1269 m - 1800 m circa
Difficoltà globaleTD- (concentrato nel secondo tiro)Difficoltà tecnicaVI
ChiodaturaSoste a spit, 3 chiodi nei tiriMaterialeMateriale d’arrampicata – friend grandi, utili raddoppiarli
Tipologia arrampicataPlacca e diedroRocciaArenaria Macigno molto lichenosa
SegnaviaSentiero CAI 00Libro di vettaSi
Punti d’appoggioBivacco RosarioAcquaFontana al Bivacco Rosario
Cartografia utilizzataCarta escursionistica - L'Appennino Reggiano (foglio 2)Bibliografia utilizzataRelazione degli apritori (QUA)
Giudizio100100ConsigliataNi. Arrampicata breve e il tiro difficile non è particolarmente bello (anzi).

INDICAZIONI STRADALI

Raggiunto il Passo del Cerreto che separa le province di Reggio Emilia e Massa Carrara, si prende in direzione Cerreto Laghi, dopo 900 m si lascia la macchina nei pressi di un tornante, di fronte all’Albergo Belvedere (chiuso).

AVVICINAMENTO

Lasciata l’auto nel parcheggio del Ristorante/Albergo Belvedere, si prende la strada seguendo le indicazioni CAI per il sentiero 00 e il Monte La Nuda. Si superano alcune costruzioni, fino ad imboccare al termine della strada il sentiero che sale dolcemente nel bosco. Si ignorano tutti i bivi e si prosegue sul sentiero 00 fino al Bivacco Rosario (0.50 h). Dal bivacco si sale per mirtilleti e sassaie fino alla base della guglia. La via attacca alla base dell’evidente spigolo (1.15 h).

RELAZIONE

1° tiro: si segue lo spigolo (III) fino a un chiodo. Si sale quindi per placchette delicate (IV) fino alla cengia dove si sosta su due spit (25 m).

2° tiro: si sale direttamente sopra la sosta per fessura verticale. Poi per fessura strapiombante fino ad entrare nel diedro su roccia molto lichenosa (VI). Si sale 1 metro e si traversa con passi delicati fino a un chiodo (V+). Si sale verticalmente e si raggiunge una zona più appoggiata (III/III+, chiodo). La via originale prende direttamente la fessura strapiombante (valutata V+/VI), noi siamo usciti passando a destra con un passo iniziale esposto, poi facile (IV). Si sosta in una forcelletta su spit (20 m)

3° tiro: traversare a sinistra a una seconda forcella, quindi salire direttamente in verticale (III) fino alla sommità. Sosta su spit (10 m).

DISCESA

Scendere disarrampicando (II), quindi per prati e ghiaione fino all’attacco. Su tracce e sentiero già percorso si torna al Bivacco Rosario e al Passo del Gatto (1 h).

OSSERVAZIONI

Salita dalla linea logica, purtroppo il secondo tiro, quello più impegnativo, è rovinato dalla roccia molto lichenosa.  

 

[signinlocker id=”15967″]

RELAZIONE PDF


[/signinlocker]

Our Rating

Salita7.5
Ambiente8
Arrampicata8
Roccia6.5
7.5
Valutazione dei lettori: (0 Voti)
0

Nessun commento

Salita Consigliata

Canalino dello Scala

Il canalino dello Scala

 IL CANALINO DELLO SCALA di Federico Rossetti     20 gennaio 2015 Sono passati tre anni dalla mia prima volta al Canalino dello Scala, classico ...