La danza dei grandi rettili, un’esposta scalata sulle placche della Pietra di Bismantova

Home > Arrampicata > Arrampicata Pietra di Bismantova > La danza dei grandi rettili, un’esposta scalata sulle placche della Pietra di Bismantova

commenti

commenti

Logicità della linea

8.5

Ingaggio della salita

8

Bellezza dell'ambiente

7.5

Qualità della roccia

7.5

Eleganza dell'arrampicata

9

Una via bella aerea!

La Danza dei grandi rettili è una tra le più belle multipitch moderne della Pietra. Sale su una parete aperta dove il vuoto è percepibile. Tutti i tiri sono belli e impegnativi, il primo è senz’altro il più duro. La spittatura è più ravvicinata rispetto ad altre vie della parete, e concede qualcosa a chi si presenta un po’… “impiccato” sul grado proposto, che come spesso capita da queste parti è piuttosto stretto. Per farla divertendosi conviene padroneggiare il 6b ed essere abituati al tipo di arrampicata di Bismantova.

Prima salita: G. Carlotti, anni 90

Pietra di Bismantova (1041 m) - La danza dei grandi rettili

Pietra di Bismantova - La danza dei grandi rettili - Tracciato
Tracciato della via sulla parete sud

Settore
Esposizione
Avvicinamento
15 min, 60 m D+
Discesa
A piedi, 20 min
Tempo totale
3,40 h (3 h la via)
Dislivello
166 m (100 m la via)
Sviluppo
110 m
Attrezzatura consigliata
12 rinvii, Da arrampicata
Salita il
14 Ottobre 2023
Cordata REDclimber
Itinerario
Via Danza dei grandi rettili
Tipologia itinerario
Quota di partenza e arrivo
874 m – 1040 m
Tipologia arrampicata
Difficoltà globale
TD
Continua sul 6b
Chiodatura
S1
Via ben protetta
Frequentazione
Periodo consigliato

Entra nella cordata REDclimber

INDICAZIONI STRADALI

Raggiungere Castelnuovo Monti da Parma, Reggio Emilia o La Spezia; qui seguire le indicazioni per la Pietra di Bismantova fino all’ampio parcheggio a pagamento (Piazzale Dante) dove la strada termina. E’ possibile lasciare l’auto gratuitamente lungo la strada prima del piazzale sugli spiazzi ghiaiati lato a valle.

AVVICINAMENTO

Raggiungere il Rifugio della Pietra e seguire il sentiero a sinistra diretto alla sommità. Ignorare la prima deviazione a destra (che sale al settore Gare Vecchie) e proseguire superando due tornantini in salita. A questo punto si è alla base della parete sud presso il settore Gare Nuove. Lasciarselo sulla sinistra e portarsi per evidenti tracce al vicino settore Gabri, spesso affollato. La via attacca all’estremità sinistra della cengia sotto la parete. Scritta alla base. Sulla destra sale il diedro della Zuffa Lenzi, a sinistra, sullo spigolo, il monotiro Abibi.

SALITA

1° tiro: puntare a una fessura e seguirla fino a un ripiano. Qui la parete si verticalizza e la fessura diventa via via più sfuggente fino a esaurirsi. Sfruttando piccole tacche poco evidenti ci si alza a prendere una rovescia a sinistra sul filo dello spigolo che permette di superare lo strapiombino finale. Poi più facilmente alla sosta con catena (25 m, 6c, 6/7 spit e 2 chiodi).

2° tiro: salire dritti lungo la placca. Primi metri duri, poi la parete si fa più lavorata a “mattonelle” svase ma nette. Un altro passo duro circa a metà tiro, poi si supera uno strapiombino stando sulla sinistra e poco sopra si è in sosta (35 m, 6a+, 10 spit).

3° tiro: traversare a sinistra in massima esposizione, alzandosi nei punti giusti dove sono presenti minimi appoggi per i piedi. Ignorare prima una linea di spit e chiodi a pressione che salgono dritti e poi un diedro/camino. Continuare a traversare a sinistra per poi salire a un terrazzino prima di un altro diedro/fessura. Attenzione ad alcuni massi instabili nella parte finale del tiro, si è sopra le falesie, (20 m, 6a, 6 spit).

4° tiro: salire lo spigolo a sinistra della sosta su grandi mattonelle. Arrivati alla pianta abbandonarlo attraversando la fessura e salire la placca strapiombante a sinistra. Un primo passo duro con presa scavata è seguito da un’altra sezione più ammanigliata ma sempre molto continua. L’ultimo salto verticale su belle mattonelle consente di uscire dalle difficoltà. Dopo un saltino più facile si è sul bordo del pianoro sommitale, sosta su anellone (35 m, 6b+, 10 spit).

DISCESA

Costeggiare verso sinistra la parete su tracce fino a intercettare il “sentiero blu”, che scende direttamente sul sentiero principale (passi di I). In alternativa attraversare verso destra i prati della sommità fino a intercettare il sentiero principale con un giro leggermente più lungo.

osservazioni

Via decisamente tonica, probabilmente la più difficile che ho fatto finora a Bismantova. Il primo tiro è abbastanza noto e temuto anche tra i “falesisti”, difficile indovinare la sequenza finale a vista… il bravo Mario pur avendolo già percorso anni fa si è lasciato ingannare e ha provato a salire più a sinistra sbagliando. Se si supera questo primo scoglio la via si può dire in tasca, ma c’è ancora da scalare… Attenzione perché la via sale sopra un settore spesso affollato, meglio attaccare presto. Il nome della via richiama una canzone della band Il Banco del Mutuo Soccorso.

NEI DINTORNI: BERE, MANGIARE, DORMIRE

Rifugio della Pietra oppure bar – ristorante alla Foresteria, da provare lo gnocco fritto imbottito!
Pietra di Bismantova - La danza dei grandi rettili - 1° tiro
1° tiro
Pietra di Bismantova - La danza dei grandi rettili - 3° tiro
Ancora sul 3° turi
Pietra di Bismantova - La danza dei grandi rettili - 3° tiro
Ancora sul 3° turi

Condividi la relazione con il tuo compagno di cordata.

Condividi la relazione con
il tuo compagno di cordata.

ALTRE SALITE IN ZONA

Scritto da

altre salite simili

commenti

    Nome

    Email

    Oggetto

    Messaggio

    REDclimber.it è un angolo digitale dove raccontiamo le nostre salite con relazioni, immagini e storie di montagna dalle cime di casa, l’Appennino Settentrionale, ai giganti delle Alpi.

    ULTIME SALITE

    ©2024 REDclimber. Designed by Mountain Communication SRL P. IVA 02938160344

    Ti piacciono i contenuti di REDclimber, supporta il progetto.

    Grazie al vostro sostegno REDclimber potrà crescere e migliorare. 

    entra nella cordata REDclimber

    Diventa un friend !!